NEWS

Al Tribunale il potere di sostituire le misure applicate dal prefetto.

La rilevanza delle misure volte a fronteggiare l'agevolazione occasionale viene estesa anche al controllo giudiziario (di aziende e attività economiche). Attualmente il tribunale, anche d' ufficio, in presenza di agevolazione occasionale, se sussistono circostanze di fatto da cui desumere il pericolo concreto di infiltrazioni mafiose idonee a condizionare l'attività dell'impresa, dispone il controllo giudiziario per un periodo non inferiore ad ...
Leggi Tutto

L’infiltrazione mafiosa “occasionale” obbliga all’adozione dei modelli 231

L'adozione della normativa sulla responsabilità degli enti potrà in futuro essere determinante anche ai fini della normativa antimafia in ipotesi di tentativi di infiltrazione riconducibili a situazioni di agevolazione occasionale. A prevedere questa novità è il decreto legge recante disposizioni urgenti per l'attuazione del Pnrr che introduce anche una sorta di contraddittorio preventivo con l'impresa prima dell'adozione dei provvedimenti amministrativi ...
Leggi Tutto

Sulla non punibilità per tenuità il nodo della continuazione dei reati

Alle Sezioni Unite penali della Cassazione il compito di definire il perimetro della causa di non punibilità per tenuità del fatto, decidendo se la continuazione tra reati rappresenta un ostacolo insormontabile. L'ordinanza n° 39174 della Quinta sezione penale, infatti, ha sollevato la questione, dopo avere constato i divergenti orientamenti presi nel corso del tempo. Del resto, come ricorda ora la ...
Leggi Tutto

L’omicidio aggravato assorbe lo stalking. Si può evitare l’ergastolo. Sezioni Unite: si tratta di reato complesso quando si riscontra unitarietà del fatto.

L'omicidio commesso dal persecutore, punito con l'aggravante speciale che prevede la pena dell'ergastolo, è un reato complesso a causa dell'unitarietà del fatto. Il reato di stalking è dunque assorbito da quello di omicidio e non può essere punito separatamente. Le sezioni Unite della Cassazione (sentenza 38402/21) dirimono un contrasto sorto sulla possibilità di fare scattare il concorso tra lo stalking, ...
Leggi Tutto

La nuova disciplina della sospensione condizionale della pena ex art. 165 comma 5 C.P.

La procura della Repubblica e il Tribunale di Bologna unitamente alla sezione GIP-GUP hanno elaborato e reso pubbliche delle indicazioni operative per l'attuazione, in ambito territoriale di propria competenza, del disposto dell'art. 165 co. 5 CP - introdotto con la legge 69/2019 cd. Codice Rosso- che subordina la sospensione condizionale della pena alla partecipazione a percorsi di recupero per gli ...
Leggi Tutto

Avvocati e PNRR: è alto il rischio di incompatibilità

La norma sul conferimento degli incarichi dalla Pa agli avvocati, nel decreto legge Pnrr, contrasta con il regime di incompatibilità della professione forense e rischia di mettere in crisi il sistema previdenziale. A lanciare l'allarme il CNF, la Cassa di previdenza e l'Organismo congressuale forense che ieri hanno scritto ai ministri Cartabia e Brunetta per chiedere che venga riscritto l'articolo ...
Leggi Tutto

Messa alla prova: la proposta potrà essere avanzata anche dal PM. Estensione alle condanne fino a 6 anni

La messa alla prova per gli adulti, mutuata dall'esperienza minorile, ha avuto un successo non da poco dalla sua introduzione del 2014. Nell'ottica della delega di incentivare l'accesso ai riti alternativi con funzione deflattiva del processo, nonchè di promuovere la giustizia riparativa, il Parlamento ha previsto all'articolo 22 lettera b) della delega che l'accesso alla probation possa anche essere proposto ...
Leggi Tutto

Tenuità del fatto: benefici ampliati ai reati con pena minima non superiore ai due anni

Le sezioni Unite della Cassazione (sentenza 13681/2016) combinano l'esigenza di proporzione e ragionevolezza delle pene con quella deflattiva, "scopo primario è espungere dal circuito penale fatti marginali, che non mostrano bisogno di pena e, dunque, neppure la necessità di impegnare i complessi meccanismi del processo. Proporzione e deflazione si intrecciano coerentemente". La non punibilità per tenuità implica la sussistenza del ...
Leggi Tutto

Il monito: dare voce alle vittime di reato

Chi manca nella "stanza" della giustizia? Chi non ha voce? La risposta non può che essere: la vittima.  A dare voce alle vittime non bastano una giustizia più celere e complessivamente più efficiente: occorre una giustizia a misura delle vittime e capace di accogliere i loro bisogni. E' dunque venuto il momento di scommettere sulla giustizia riparativa. Sperimentata inizialmente in ...
Leggi Tutto

Giustizia riparativa. Accesso possibile sia nel processo sia nell’esecuzione della pena

Tra i punti maggiormente qualificanti della riforma si staglia, senza dubbio, l'espresso recepimento di una prima proposta di "disciplina organica della giustizia riparativa". Si tratta di una innovazione tanto attesa quanto impegnativa, del tutto congeniale allo spirito che attraversa la riforma: cercare di riportare la pena ad una dimensione di effettiva extrema ratio secondo una indicazione di metodo che qui ...
Leggi Tutto

Contravvenzioni. Non punibilità se c’è ravvedimento rapido. L’iter è sospeso in attesa del ravvedimento

La disciplina sanzionatoria delle contravvenzioni sarà caratterizzata dall'incentivazione del tempestivo ravvedimento operoso dell'autore del reato, dal cui buon esito egli potrà beneficiare della non punibilità della sua condotta. I decreti legislativi dovranno prevedere una causa di estinzione delle contravvenzioni destinata ad operare nella fase delle indagini preliminari per effetto del tempestivo adempimento di apposite prescrizioni impartite dall'organo accertatore del pagamento ...
Leggi Tutto

Pene sostitutive. Più domiciliari, pene pecuniarie e lavori di pubblica utilità. Abolite semidetenzione e libertà controllata. Alle nuove sanzioni non si applicheranno le norme sulla sospensione condizionale

La riforma muove dall'idea che il carcere debba essere una pena residuale e vadano privilegiate le misure alternative alla detenzione. Il principio trova declinazione nelle disposizioni della delega in materia di riforma delle pene pecuniarie e delle sanzioni sostitutive alle pene detentive brevi. Per quanto concerne le prime, la legge delega è piuttosto generica, prevedendo -in sintesi - che l'attuale ...
Leggi Tutto