NEWS

Nuovo CSM e stop porte girevoli

Legge elettorale: Viene introdotto un sistema misto, binominale con quota proporzionale. I collegi saranno determinati dal ministero della Giustizia e non dal sorteggio. Le candidature saranno individuali, anche nel distretto di appartenenza. In ogni collegio almeno 6 candidature e parità di genere. Incarichi: Alt alle nomine a pacchetto, accorpando una pluralità di incarichi direttivi o semi direttivi, ma favorendo l'influenza ...
Leggi Tutto

Alle Unite la confisca per equivalente

Va alle Sezioni Unite la decisione sul mantenimento della confisca per equivalente per il reato di dichiarazione fraudolenta- commesso prima del 2019, data di entrata in vigore delle modifiche all'articolo 578 bis cpp - estinto per prescrizione. La vicenda, rimessa all'alto consesso (ordinanza 15229) riguarda la natura della previsione dell'articolo 578 bis cpp in base al quale il Giudice di ...
Leggi Tutto

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte se c’è l’intenzionalità

La sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte scatta ove vi sia l'intenzione di non volere pagare e comunque l'esistenza di un debito tributario suscettibile di essere riscosso coattivamente. Ad affermarlo è la Cassazione con la sentenza n° 15239 depositata il 20 aprile 2022. Il tribunale del riesame confermava il sequestro preventivo nei confronti di due indagati (padre e figlia) che, ...
Leggi Tutto

Ergastolo ostativo, 41 bis da escludere

Nel disegno di legge sull'ergastolo ostativo, ora all'esame del Senato, va inserita una pregiudizialità, per rendere inammissibile la richiesta di accedere ai benefici penitenziari ai detenuti sottoposti al 41 bis. Benefici, a partire dal permesso premio, ai quali le persone sottoposte al carcere duro potranno accedere solo dopo la revoca del 41 bis o la mancata proroga del provvedimento. Questa ...
Leggi Tutto

Corte Costituzionale: sanzioni più lievi per atti contro la decenza

Troppo pesante una sanzione amministrativa per atti contrari alla pubblica decenza compresa tra un minimo di 5.000 euro, soprattutto, e un massimo di 10.000. La Corte Costituzionale così la ridetermina in una forchetta compresa tra 51 e 309 euro. Questa la conclusione della sentenza n° 95 depositata ieri e scritta da Francesco Viganò. A sollevare la questione di legittimità costituzionale ...
Leggi Tutto

Esecuzione penale: quando la misura della confisca è prevista ma non eseguita in sentenze definitive

Permettere allo Stato di recuperare quanto previsto dall'Autorità giudiziaria a titolo di confisca e in sentenze ormai definitive, ma nei fatti rimaste, sul punto, lettera morta. E' questo l'obiettivo che si propone il protocollo operativo firmato dalla procura generale di Brescia e il comando regionale della Lombardia della Guardia di Finanza. Un memorandum che ha già permesso di mettere le ...
Leggi Tutto

Notifica al difensore se al domicilio dichiarato l’imputato è irreperibile. Sezioni Unite

In caso di domicilio dichiarato eletto o determinato, il tentativo di notificazione a mezzo posta, tramite l'ufficio postale, non andato a buon fine per irreperibilità del destinatario, comporta, senza necessità di altri adempimenti, l'ipotesi della notificazione divenuta impossibile. In tale caso, come nella dichiarazione di domicilio mancante, insufficiente o inidonea, l'ufficiale giudiziario dovrà consegnare al difensore. Le Sezioni Unite della ...
Leggi Tutto

Presunzione d’ innocenza: le indicazioni della Procura generale della Corte di cassazione

Massima discrezionalità dei procuratori nella diffusione di informazioni sui processi penali, almeno nella determinazione dell'interesse pubblico, come pure nella scelta della modalità (conferenza stampa o comunicato). Drastica contrarietà a interviste su singoli procedimenti o specifiche posizioni processuali. Via libera all'accesso dei giornalisti alle ordinanze di custodia cautelare, non agli atti di indagine, sia pure non più coperti da segreto. Possibilità ...
Leggi Tutto

231: la Corte evita l’estinzione dell’impresa per mancati versamenti fiscali

Va dissequestrata la somma che serve per pagare le imposte sui profitti illeciti. In caso contrario, la società, sottoposta a misura cautelare per effetto di una violazione prevista dal decreto 231, sarebbe condannata all'estinzione. Lo afferma per la prima volta la Cassazione con la sentenza n° 13936/22 della sesta sezione penale depositata ieri. La Corte, affrontando un caso di traffico ...
Leggi Tutto

CEDU. Violenze domestiche, Italia condannata per errori e passività

Inerzia, mancata valutazione del rischio, assenza di misure preventive e di protezione nei confronti di una donna vittima di violenza domestica. Un mix di errori e di passività che ha portato la CEDU a condannare l'Italia per violazione dell'articolo 2 della Convenzione, che assicura il diritto alla vita. Con la sentenza depositata ieri (ricorso n° 10929/19), Strasburgo torna sulle inefficienze ...
Leggi Tutto

L’archiviazione da anni non basta per distruggere le intercettazioni

Il giudice per le indagini preliminari può rifiutare di distruggere, come richiesto dal PM, le intercettazioni relative ad un procedimento anche se archiviato da oltre 10 anni. La sola archiviazione, infatti, non basta ad escludere la possibilità di una rilevanza futura del materiale archiviato. Mentre il diritto alla riservatezza degli intercettati resta garantito dalla conservazione nell'archivio della procura della Repubblica, ...
Leggi Tutto

Responsabilità 231 anche se il risparmio per l’ente è esiguo

Società responsabile ai sensi del Dlgs 231/2001 per l'illecito dell'amministratore anche se la violazione ha comportato un esiguo risparmio di spesa. Il differente principio per cui tale esiguità potrebbe implicare la commissione del reato nell'interesse dell'ente solo se è provata la prevalenza delle esigenze di profitto rispetto alla tutela dei lavoratori, si applica esclusivamente in un contesto di osservanza delle ...
Leggi Tutto